Viaggio a Napoli per scoprire le imprese sociali con i ragazzi di Giovani e Social Business

By 29 luglio 2019News

Virginia, Sara e Sasha sono stai in viaggio a Napoli per scoprire le imprese sociali della città!

I vincitori del secondo premio della competizione Giovani&Social Business sono partiti alla scoperta delle imprese sociali italiane presenti nel centro di Napoli. Accompagnati dai ricercatori dello Yunus Social Business Centre dell’Università di Firenze, i tre giovani hanno scoperto i diversi modi di fare impresa sociale attraverso stimolanti incontri con:

Nuovo Teatro Sanità, un teatro nato nel 2013 al cuore Napoli nel Rione Sanità, una zona carica di contrasti. Il quartiere è caratterizzato da una parte da un forte disagio socio-economico legato all’alta dispersione scolastica e disoccupazione, dall’altra da un forte fermento di rinascita e riscatto sociale e culturale, essendo sede di numerose e vivaci realtà del Terzo Settore. Nell’ultimo anno, più di 60 ragazzi hanno seguito i corsi tenuti da professionisti del settore all’interno del teatro, corsi a cui è possibile partecipare a titolo gratuito. Il progetto ha lo scopo di formare una compagnia teatrale che raccolga nel suo ambito tutte le professionalità del teatro, anche quelle tecniche.
Il Nuovo Teatro Sanità è così diventato un presidio sociale e culturale in un quartiere dove l’abbandono scolastico e la disoccupazione giovanile costituiscono spesso terreno fertile per la presenza e il reclutamento delle organizzazioni criminali.

FOQUS Fondazione Quartieri Spagnoli onlus, la fondazione che  ha rigenerato un luogo – raccolto vuoto, privo di funzioni e futuro – trasformandolo in una comunità produttiva, creativa, di cura e formazione della persona, che partecipa al cambiamento dei Quartieri Spagnoli.
FOQUS si realizza in una delle aree più emblematiche e fragili di una città metropolitana; sperimenta nuovi modelli di welfare di comunità promuove processi di mobilità sociale, sviluppo, trasformazione.

Dialogue Place, è un incubatore di imprese sociali multiculturali e uno spazio di coworking gestito dalla cooperativa napoletana Project Ahead con partner nazionali e internazionali. Si trova ai Quartieri Spagnoli e la sua missione è favorire l’integrazione attraverso la creazione di imprese sociali gestite da napoletani e migranti. Per far questo realizza competizioni di impresa sociale, eventi e offre un programma di incubazione che segue gli aspiranti imprenditori dalla fase di ideazione a quella di lancio sul mercato dell’impresa.

Catacombe di Napoli gestiste dalla Cooperativa Sociale La Paranza, nata nel Rione Sanità dove lavora per cambiare le cose. I membri di La Paranza mettono a disposizione tutte le loro conoscenze e la loro volontà a sostegno di nuove attività produttive, per far crescere la speranza nei giovani.

L’ultimo giorno, i tre giovani hanno fatto una visita guidata del Rione Sanità per comprendere meglio le difficoltà del tessuto sociale e del Cimitero delle Fontanelle, un ex-ossario che si sviluppa per più di 3000 mq. e contiene i resti di un numero imprecisato di persone. Il cimitero è noto perché quì si svolgeva il rito delle “anime pezzentelle”, ossia l’adozione e la cura da parte di un napoletano di un determinato cranio di un’anima abbandonata (detta appunto capuzzella) in cambio di protezione.

Ogni anno dal 2012, a Pistoia si svolge il progetto Giovani e Social Business, il programma di Alternanza Scuola-Lavoro che porta l’impresa sociale tra i più giovani grazie al sosteno della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia e la Fondazione un Raggio di Luce Onlus.

Per l’anno scolastico 2018/2019, sono state coinvolte 8 classi di 3 istituti del territorio pistoiese: Istituto Tecnico-Statale Marchi-Forti, IPSSCS Luigi Einaudi, Istituto ITCS Pacini. Gli studenti hanno seguito un percorso di simulazione di impresa sociale attraverso lezioni frontali e laboratoriali che li ha portati a sviluppare una loro idea di social  business che ponesse particolare attenzione alla sostenibilità economica e finanziaria e all’impatto sociale.

Gli studenti sono accompagnati verso il concorso di idee finale da un servizio di consulenza che li aiuta nell’elaborazione dell’idea di business, a sviluppare capacità imprenditoriali, di team work e di progettazione utili nel mondo del lavoro. I tre progetti migliori, selezionati tra 10 finalisti, ricevono un premio. I primi classificati sono andati a Parigi, mentre i terzi riceveranno un buono da 100€ ognuno da destinare all’acquisto di libri.

Pure Water

Da scoprire: il progetto con cui Sara, Virginia e Sasha hanno vinot il secondo premio di giovani & Social Business